• infertilità
  • medicina estetica biologica
  • alimentazione biologica
  • endocrinologia
  • tiroide

E’ una carenza nel sangue di ormoni tiroidei (Ft4, ma anche Ft3), cui corrisponde un aumentato livello sierico basale di TSH e/o una risposta esagerata del TSH al TRH.

LE CAUSE PIU’ FREQUENTI DI IPOTIROIDISMO

1. tireopatie autoimmuni (Tiroidite di Hashimoto, Malattia di Basedow-Flaiani-Graves, Tiroidite post-partum)

2. iatrogenica (post-chirurgica, terapia con Iodio 131, terapia anti-tiroidea, terapia con sostanze contenenti iodio come l’amiodarone, terapia con farmaci antitiroidei come il litio)

3. carenza iodica

4. tiroidite subacuta.

I SINTOMI INIZIALI DELLA FORMA LIEVE

  • astenia
  • adinamia
  • rallentamento dei movimenti, dell’ideazione e dell’articolazione del linguaggio
  • diminuita tolleranza al freddo.

I SINTOMI CHE INSORGONO SUCCESSIVAMENTE NELLA FORMA GRAVE

  • alterazioni del sonno
  • alterazioni del ritmo dell’alvo e stipsi
  • alterazioni del ciclo mestruale, ridotta fertilità
  • anemia microcitica
  • cardiomegalia
  • sordità
  • debolezza muscolare, crampi
  • aumento di peso
  • depressione ed altre alterazioni del comportamento
  • pallore, volto edematoso
  • cute secca, fredda e spessa
  • capelli secchi, fragili, radi, perdita di capelli, alopecia
  • ciglia ridotte od assenti, sopracciglie rade nel terzo esterno
  • unghie fragili e striate.

LA DIAGNOSI

si basa sulla diminuzione nel sangue di ormoni tiroidei (Ft4, ma anche Ft3), cui corrisponde un aumentato livello sierico basale di TSH e/o una risposta esagerata del TSH al TRH.

 

La presenza di anticorpi anti-TG e anti-TPO indica una etiologia autoimmune. Il colesterolo totale e LDL sono aumentati, l’HDL è diminuito. Nel 10% dei Pazienti è aumentata la prolattina.

LA TERAPIA DELLA MEDICINA TRADIZIONALE

è una terapia sostitutiva con ormoni tiroidei (Tirosint,Eutirox,Tiroide Ibsa,etc.). La Medicina tradizionale,quindi, in questo caso “mette a riposo” la ghiandola ed istituisce una terapia sostitutiva (si assumono cioè per bocca gli ormoni che la tiroide in condizioni normali avrebbe prodotto). Purtroppo però, maggiore sarà il tempo in cui metteremo a riposo la ghiandola, minori saranno le possibilità che riprenda poi a funzionare correttamente. Nel frattempo, l’azione degli anticorpi (su cui questo tipo di terapia non ha alcun effetto) distrugge gradualmente, ma inesorabilmente il tessuto tiroideo. Il risultato di queste due azioni (messa “a riposo” della tiroide + azione degli anticorpi) porta inevitabilmente all’ipotiroidismo, per cui il Paziente è costretto ad assumere ormoni tiroidei a vita. Ma non basta. L’organismo, in un periodo di tempo variabile, tende ad abituarsi al dosaggio assunto per cui diventa necessario aumentarlo continuamente.

La maggior parte dei Pazienti inizia assumendo 25 o 50 microgrammi e, nel giro di un anno o due, arriva a prendere 100 microgrammi e più. Arrivati però ad un determinato dosaggio, non è possibile aumentarlo ancora perché compaiono degli effetti collaterali che lo impediscono (tachicardia, nervosismo, insonnia, ipertensione, dolori muscolari diffusi, ecc.). Quindi, l’organismo richiederebbe una maggiore quantità di ormoni tiroidei, ma non è possibile soddisfare questa sua necessità. A questo punto ricompaiono i sintomi tipici dell’ipotiroidismo. Alla fine, il risultato della terapia sarà di avere un Paziente ipotiroideo, con i sintomi degli ipotiroidei, ma che è costretto ad assumere ormoni tiroidei a vita.

LA TERAPIA DELLA MEDICINA BIOLOGICA


serve a riequilibrare la funzionalità tiroidea, purché residui un minimo di attività ghiandolare. Si possono usare,in relazione alla situazione clinica del Paziente,diversi farmaci tra cui gli organoterapici perchè riequilibrano globalmente la ghiandola ed hanno un effetto antiinfiammatorio aspecifico,gli ormoni omeopatizzati perché stimolano la tiroide a produrre i corrispondenti ormoni,l’oligoelemento iodio perché ha un’azione di nutrimento nei confronti della ghiandola,gli intermedi metabolici per sbloccare il metabolismo “rallentato” dall’alterata funzionalità tiroidea.Possono poi essere di grande aiuto alcuni integratori,che hanno un’azione di stimolo sulla funzionalità tiroidea.

RIPA PROF. SALVATORE ENDOCRINOLOGO | 34, Via Isonzo - 00198 Roma (RM) - Italia | P.I. 09632700580 | Tel. +39 06 8546702   - Cell. +39 346 6495601 | Informazioni legali | Privacy | Cookie Policy | Sitemap
Powered by  Pagine Gialle  -  SmartSite